Biot.it Utilizza cookies tecnici e tecnologie simili.

Questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se prosegui nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsenti all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

  

Cookies di terze parti

Il presente sito funge anche da intermediario per cookies di terze parti, utilizzati per poter fornire ulteriori servizi e funzionalità ai visitatori e per migliorare l'uso del sito stesso, come i pulsanti per i social, oppure video. Questo sito non ha alcun controllo sui cookie delle terze parti, interamente gestiti dalle terze parti. In conseguenza di ciò le informazioni sull'uso dei detti cookies e sulle finalità degli stessi, nonché sulle modalità per l'eventuale disabilitazione, sono fornite direttamente dalle terze parti alle pagine indicate di seguito.

In particolare il presente sito utilizza cookies delle seguenti terze parti:

Google Analytics: uno strumento di analisi di Google che attraverso l'uso di cookies (performance cookies), raccoglie dati di navigazione anonimi (IP troncati all'ultimo ottetto) ed esclusivamente aggregati allo scopo di esaminare l'uso del sito da parte degli utenti, compilare report sulle attività nel sito e fornire altre informazioni, compreso il numero dei visitatori e le pagine visitate. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Google non assocerà l'indirizzo Ip a nessun altro dato posseduto da Google. I dati trasmessi a Google sono depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. 
In base a specifico accordo con Google, che è designato quale responsabile del trattamento dei dati, questi si impegna a trattare i dati in base alle richieste del Titolare (vedi in fondo all'informativa), impartite tramite le impostazioni del software. In base a tali impostazioni le opzioni pubblicitarie e di condivisione dei dati sono disattive.

Ulteriori informazioni sui cookies di Google Analytics si trovano alla pagina Google Analytics Cookie Usage on Websites

 L'utente può disabilitare in modo selettivo la raccolta di dati da parte di Google Analytics installando sul proprio browser l'apposito componente fornito da Google (opt out). 

 

Youtube: una piattaforma di proprietà di Google, per la condivisione di video, che utilizza cookie per raccogliere informazioni degli utenti e dei dispositivi di navigazione. I video presenti nel sito non veicolano cookie all'accesso della pagina, essendo stata impostata l'opzione "privacy avanzata (no cookie)" in base alla quale YouTube non memorizza le informazioni sui visitatori a meno che essi non riproducano volontariamente il video. 

cookie: test_cookie .doubleclick.net non è un cookie permanente, ma è utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie.

Per ulteriori informazioni sull'uso dei dati e sul loro trattamento da parte di Google si raccomanda di prendere visione delle informazioni all'apposita pagina predisposta da Google, e alla pagina sulle Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei partner

 

Plugin Social Network

Il presente sito incorpora anche plugin e/o bottoni per i social network, al fine di consentire una facile condivisione dei contenuti sui vostri social network preferiti. Tali plugin sono programmati in modo da non impostare alcun cookie all'accesso della pagina, per salvaguardare la privacy degli utenti. Eventualmente i cookie vengono impostati, se così previsto dai social network, solo quando l'utente fa effettivo e volontario uso del plugin. Si tenga presente che se l'utente naviga essendo loggato nel social network allora ha già acconsentito all'uso dei cookie veicolati tramite questo sito al momento dell'iscrizione al social network.
La raccolta e l'uso delle informazioni ottenute a mezzo del plugin sono regolati dalle rispettive informative privacy dei social network, alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook - (link informativa cookie)
Twitter - (link informativa cookie)
LinkedIn - (link informativa cookie)
Google+ - (link informativa cookie). 

 

Trasferimento di dati in paesi extra UE

 Il presente sito potrebbe condividere alcuni dei dati raccolti con servizi localizzati al di fuori dell'area dell'Unione Europea. In particolare con Google, Facebook e Microsoft (LinkedIn) tramite i social plugin e il servizio di Google Analytics. Il trasferimento è autorizzato in base a specifiche decisioni dell'Unione Europea e del Garante per la tutela dei dati personali, in particolare la decisione 1250/2016 (Privacy Shield - qui la pagina informativa del Garante italiano), per cui non occorre ulteriore consenso. Le aziende sopra menzionate garantiscono la propria adesione al Privacy Shield. 

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

News ed Eventi

ONDE ELETTROMAGNETICHE: NUOVI RISCHI PER L’ERA TECNOLOGICA

Con il progredire dell’industrializzazione e l’aumento delle tecnologie si è osservata una crescita smisurata delle sorgenti di campi magnetici dovuti a tutti i dispositivi elettronici (smartphone, Tablet, computer portali) da cui non ci separiamo mai. Possiamo affermare che questi dispositivi sono stati in grado di semplificare le nostre vite rendendole più semplici e smart ma, allo stesso tempo, non è possibile affermare che abbiano reso la nostra vita più sicura. Numerosi infatti, sono i dubbi emersi sui possibili rischi sanitari dovuti ai campi elettromagnetici che vengono emessi dai dispositivi stessi.

Dagli ultimi dati emersi, risulta in crescita il numero di individui che segnalano diversi problemi di salute, lamentando sintomi come mal di testa, difficoltà nel concentrarsi e a lavorare correttamente senza il dispendio inutile di energie. Questa presunta sensibilità è stata definita ipersensibilità ai campi magnetici o EHS (Elettronic HyperSensitivity).

Nel dettaglio questa Ipersensibilità ai campi elettromagnetici è caratterizzata da una gamma di sintomi non specifici che, molto spesso, sono gli stessi soggetti colpiti ad attribuirli all'esposizione ai campi magnetici. I sintomi più frequentemente riscontrati sono arrossamento, prurito, sensazione di bruciore, affaticamento, stanchezza, difficoltà nella concentrazione, senso di instabilità e di barcollamento, nausea, palpitazione cardiaca e disturbi nella digestione.

Numerosi i fattori confondenti che sono emersi dagli studi fatti fino ad ora. I dubbi riguardano non tanto l’esistenza di questo tipo di disturbi che risulta ormai confermato, ma il meccanismo fisiopatologico che li genererebbe. In particolare, esistono effetti biologici dell’esposizione a elettromagnetismo ben riconosciuti, studiati e codificati come ad esempio lo stress ossidativo cellulare, un meccanismo fisiopatologico alla base di numerose malattie croniche, danni al DNA, alterazioni della fertilità, conseguenze neurologiche, alterazioni comportamentali, del neuro-sviluppo e addirittura metaboliche.

Risultati derivanti da recenti studi condotti direttamente su individui sottoposti a campi elettromagnetici simili in condizioni di laboratorio controllate, hanno evidenziato che la maggior parte dei sintomi derivino proprio da fattori ambientali quali campi elettromagnetici. Un’indagine condotta da centri di medicina e gruppi di autosoccorso ha evidenziato un numero estremamente elevato di casi in cui emergono una varietà di sintomi dipendenti da questi fattori, di cui circa il 10% considerabili gravi. Esiste allo stesso tempo una variabilità geografica, l’incidenza riportata risulta infatti molto più elevata in Svezia, Germania e Danimarca rispetto a Regno Unito, Francia e Austria. Allo stesso tempo i sintomi legati ai videoterminali sono risultati più prevalenti nel resto dell’Europa.

Di recente sempre più dubbi sono emersi sulle elettromagnetiche emesse da tali dispositivi, nel dettaglio la seria preoccupazione è che questi dispositivi possano avere un effetto cancerogeno sul nostro organismo. Da uno studio internazionale che ha coinvolto più di 40 paesi, è emerso che gli effetti delle onde elettromagnetiche includono un aumento del rischio di cancro, aumento dei radicali liberi dannosi, danni genetici, cambiamenti strutturali e funzionali del sistema riproduttivo, deficit di apprendimento e memoria, disturbi neurologici e impatti negativi sulla salute generale degli esseri umani. È per questo motivo infatti, che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha sviluppato linee guida per il livello di frequenza elettromagnetica a cui i vari dispositivi sono autorizzati a esporre gli utenti.

Sebbene non esistano prove conclusive dei potenziali pericoli delle radiazioni elettromagnetiche e l‘argomento sia molto controverso perché ci sono studi precedenti che hanno respinto il collegamento tra dispositivi come i telefoni cellulari e i tumori, quello che si può affermare con certezza è che i sintomi riscontrati sono reali e possono costituire un fattore disabilitante per gli individui che ne sono afflitti. Per ora non esistono criteri diagnostici chiari per l’ipersensibilità ai campi magnetici, quello che possiamo fare però, è limitare l’esposizione a tali fonti quando possibile mettendo in pratica qualche piccolo accorgimento.

È possibile infatti limitare la nostra esposizione soprattutto di notte, spegnendo il nostro smartphone o mettendolo in modalità aereo; posizionando il modem del Wi-fi in una stanza lontana dalla camera da letto e soprattutto utilizzando accessori specifici per bloccare le onde dei campi magnetici. Nel dettaglio da recenti studi condotti dalla comunità scientifica indicano che tra i dispositivi a più alto rischio ci sono le ormai iconiche cuffiette Bluetooth, per cui secondo numerosi scienziati come il docente di biochimica all’Università del Colorado Jerry Phillips, il loro posizionamento nel condotto uditivo esponga i tessuti della testa (definiti tessuti fragili) a livelli relativamente elevati di radiazioni. Esistono però auricolari anti- radiazioni, Ondaneutra, certificati a livello nazionale ed internazionale che trasmettono il suono tramite un principio brevettato di trasmissione delle onde sonore.

 

Nel dettaglio gli auricolari Ondaneutra garantiscono che le onde vengano trasmesse tramite aria e non tramite fili metallici rivestiti in plastica come invece fanno i normali auricolari in commercio, bloccando il 98% delle radiazioni emesse dal telefono cellulare altrimenti dirette alla testa di chi lo utilizza.

Nell’odierna era tecnologica siamo continuamente chiamati a confrontarci sul rapporto rischi per la salute e benefici sul modo di vivere. A tale proposito è necessario mantenere l’esposizione alle onde elettromagnetiche non ionizzanti al più basso livello di rischio ragionevolmente raggiungibile, compatibilmente con le tecnologie, i costi e la tutela della salute.

 

 

Fonte: Pubmed

Rubin GI, Das Munshi J, Wessely S, (2005) Electromagnetic hypersensitivity: a systematic review of provocation studies. Pshychosom Med. 2005 Mar-Apr; 67: 224-32.

Seitz H, Stinner D, Eikmann Th Herr C, Roosli M 82005) Electromagnetic hypersensitivity(EHS) and subjective health complaints associated with electromagnetic fields of mobile phone communication a literature review published between 2000-2004. Since of the total Environment, 349 (1-3) 45-55.

 



MEDCAM  ha presentato SaluScienza 2018
Rimanete sempre aggiornati

MEDCAM, Congresso Internazionale delle Medicine non Convenzionali e Scienze Olistiche, è un progetto che ha lo scopo di creare un trait d'union tra tutte le principali discipline delle Medicine non Convenzionali, la Fisica Moderna e Quantistica, le Neuroscienze e la Biologia, promuovendo in un'unica sede la formazione, la pratica medica terapeutica e l'approfondimento scientifico.

Disclaimer

L'accesso alla visualizzazione dei prodotti e al materiale informativo è riservato agli operatori del settore in ottemperanza alla legislazione vigente.Ex D. lgs 46/1997.

Pertanto Bio-t S.r.l. autorizza i soli professionisti a procedere con la navigazione.

Privacy policy e note legali

Contatti

Bio-t S.r.l. Tecnologie per la Vita

Via A. Baldovinetti n.81
00142 Roma
Tel. +39 06.83086609 - 06.64522661
Fax. +39 06 83391913 - Mob. +39 3278566369 
email: info@biot.it - ingegneria@biot.it
www.enerpulse.it - www.medcam.it
www.inergetix.eu - www.saluscienza.it

Certificazioni

                
Registrati presso il Repertorio dei dispositivi medici del Ministero della Salute