Biot.it Utilizza cookies tecnici e tecnologie simili.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

News ed Eventi

Cimatica: musica in movimento

Con il termine Cimatica si indica quella teoria che attribuisce alle onde sonore un effetto morfogenetico, ovvero la capacità di sviluppare una forma o una struttura.
Il termine Cimatica deriva dal greco Kyma, ovvero onda, ed indica oggi lo studio che si occupa di come le vibrazioni di un'onda sonora riescano a generare delle forme visibili, grazie alla modificazione della materia, la cui forma varia al variare della frequenza emessa: una perfetta corrispondenza tra suono e forma. 
Nel 1787, il musicista e fisico tedesco Ernst Chladni pubblicò la sua opera più famosa Entdeckungen ùber die Theories del Klanges, ovvero Scoperte sulla teoria dei suoni, in cui fu possibile rendere visibile quello che le onde sonore generavano. Egli fu il primo a descrivere le forme prodotte dal moto di vibrazione applicato ad una membrana sollecitata da un archetto di violino.

La membrana veniva cosparsa di una sottile sabbia e poi fatta vibrare. A quel punto, egli osservò come la sabbia rifuggisse le zone maggiormente sottoposte a vibrazione, raggruppandosi in quelle dove la vibrazione era invece nulla, e formando le cosiddette figure di Chladni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Curiosamente, egli notò anche che a figure uguali corrispondevano suoni uguali, ma non viceversa. 

Fu questo il primo studio che descrisse la correlazione esistente tra suono, materia e figure geometriche.  

Dopo l'esperimento di Chladni, dobbiamo attendere gli anni '60 del 900 affinché la Cimatica conosca un ulteriore sviluppo.
Il Medico, Fisico e Musicista svizzero Hans Jenny in questo senso proseguì sulla strada delineata da Chladni ricorrendo però a sistemi più moderni, e fissando con immagini fotografiche il risultato delle vibrazioni sperimentate sui diversi materiali quali acqua, olio o grafite. Ebbene, anche Jenny confermò la comparsa di forme aventi struttura tridimensionale, e che variavano al variare della frequenza e dell'intensità delle vibrazioni provocate sulla materia. Le forme osservate andavano da quella sferica, a quella a spirale, al cristallo e così via.  

Arrivando ai nostri giorni, durante l'edizione 2015 del Congresso MEDCAM, nel corso del suo intervento chiamato Fisica dei Quanti e tecnologia. Modello C.I.E.M. e strumentazioni biotecnologiche a supporto di percorsi terapeutici integrati, l'Ing. Andrea Gadducci, Ingegnere Elettronico, esperto in Biomedica ed in Metodiche Quanto-Biofisiche, ha parlato dell'interazione tra acqua e frequenze come di un fenomeno assolutamente semplice da dimostrare, al punto che anche in casa sarebbe possibile replicare un sistema atto all'osservazione del fenomeno. Bastano un tubo d'acqua, un amplificatore ed un generatore frequenziale per giocare con le forme particolari assunte dall'acqua nello spazio, forme che sembrano sfidare le più elementari leggi della gravità

 

 

  

 

 

 

 

Dunque, è sempre più verificabile il legame tra frequenza - o vibrazione - e geometria - o simbolo, intuito già nelle tradizioni antiche e riportato alla luce sperimentalmente dalle scienze moderne.  



Prossima Edizione MEDCAM Febbraio 2018

MEDCAM, Congresso Internazionale delle Medicine non Convenzionali e Scienze Olistiche, è un progetto che ha lo scopo di creare un trait d'union tra tutte le principali discipline delle Medicine non Convenzionali, la Fisica Moderna e Quantistica, le Neuroscienze e la Biologia, promuovendo in un'unica sede la formazione, la pratica medica terapeutica e l'approfondimento scientifico.

Disclaimer

L'accesso alla visualizzazione dei prodotti e al materiale informativo è riservato agli operatori del settore in ottemperanza alla legislazione vigente.Ex D. lgs 46/1997.

Pertanto Bio-t S.r.l. autorizza i soli professionisti a procedere con la navigazione.

Contatti

Bio-t Tecnologie per la Vita S.r.l.  

Via A. Baldovinetti n.81
00142 Roma
Tel. +39 06.83086609 - 06.64522661
Fax. +39 06 83391913 - Mob. +39 3278566369 
email: info@biot.it - ingegneria@biot.it
web: www.enerpulse.it - www.medcam.it

Certificazioni

                
Registrati presso il Repertorio dei dispositivi medici del Ministero della Salute