Biot.it Utilizza cookies tecnici e tecnologie simili.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

News ed Eventi

E' tutta italiana la prima retina artificiale biocompatibile ed interamente organica

Il team multidisciplinare di Scienziati italiani che ha realizzato lo Studio proviene dal Centro di Neuroscienze e Tecnologie Sinaptiche di Genova, dall'IIT e dal Centro di Nanoscienze e Tecnologie di Milano, ed è stato affiancato anche dal Dipartimento di Oftalmologia dell'Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar, in provincia di Verona, dall'Innovjub-SSI di Milano e dall'Università dell'Aquila. Il progetto ha beneficiato di un finanziamento da parte della Fondazione Telethon, dal Ministero della Salute e da altre fondazioni private.

I risultati  sono stati pubblicati dalla Rivista scientifica Nature Materials.
Non è la prima volta che viene creata una retina artificiale, ma questa è la prima ad essere interamente organica, interamente costituita da strati polimerici, e che permette il rimpiazzo dei fotorecettori degenerati, ovvero i neuroni che nella retina sono atti alla trasduzione dei fotoni in corrente elettrica.
Lo studio è stato testato su modelli animali con geni modificati affinché riproducessero la retinopatia, ovvero un danneggiamento della retina che può coinvolgere vari livelli e può riguardare la macula oppure le zone periferiche, con svariate conseguenze tra cui un aumento dell'acuità visiva e un aumento nella capacità orientativa dell'animale guidato dalla luce. 
Altro innovazione relativa alla nuova tipologia di retina riguarda il recupero perdurato per almeno 10 mesi a seguire dall'impianto con un'assenza di rigetti o infiammazioni
Secondo il Professor Fabio Benfenati, Direttore del Centro IIT-NSYN di Genova, si tratta di una novità che andrà a definire un'alternativa fondamentale rispetto alle metodiche usate ad oggi per ripristinare la capacità fotorecettiva dei neuroni: questo prototipo aumenta la tollerabilità, la lunga durata ed anche la completa autonomia di funzionamento. Per conseguenza, non sarà più necessaria una sorgente esterna di energia. 

La retina artificiale presenta una composizione unica nel suo genere, è formata da un doppio strato polimerico con alternanza di un semiconduttore ed un conduttore su base di fibroina, una proteina derivante dalla seta. Essa consente di aggirare il danno subito dalla retina vera e propria, tramite un processo di fototrasduzione
Le altre caratteristiche di questa innovazione tutta italiana ce le racconta il Professore Guglielmo Lanzani, Direttore del Centro IIT-CNST di Milano, specificando come morbidezza, leggerezza e flessibilità derivino proprio dall'organicità della retina, la quale assicura dunque una totale biocompatibilità ed un'assenza di complicazioni ai tessuti circostanti; inoltre, i polimeri organici trasmettono impulsi elettronici e ionici senza eccessiva dispersione di calore, che potrebbe causare ulteriori danni in una retina che è stata già oggetto di un processo degenerativo. 
Ad ogni modo, è bene sottolineare che per far funzionare correttamente la retina artificiale organica, occorre una parziale funzionalità di quella naturale: se i fotorecettori non ci sono più, i neuroni ottici rimangono sani, permettendo il flusso del segnale elettrico. Per esempio, una patologia sulla quale la retina artificiale organica riesce ad intervenire correttamente è la retinopatia pigmentosa, la quale coinvolge solo i fotorecettori, ovvero lo strato di neuroni della retina e non quelli del nervo ottico. 

La fonte: Nature Materials

 

 

 

 



Prossima Edizione MEDCAM Febbraio 2018

MEDCAM, Congresso Internazionale delle Medicine non Convenzionali e Scienze Olistiche, è un progetto che ha lo scopo di creare un trait d'union tra tutte le principali discipline delle Medicine non Convenzionali, la Fisica Moderna e Quantistica, le Neuroscienze e la Biologia, promuovendo in un'unica sede la formazione, la pratica medica terapeutica e l'approfondimento scientifico.

Disclaimer

L'accesso alla visualizzazione dei prodotti e al materiale informativo è riservato agli operatori del settore in ottemperanza alla legislazione vigente.Ex D. lgs 46/1997.

Pertanto Bio-t S.r.l. autorizza i soli professionisti a procedere con la navigazione.

Contatti

Bio-t Tecnologie per la Vita S.r.l.  

Via A. Baldovinetti n.81
00142 Roma
Tel. +39 06.83086609 - 06.64522661
Fax. +39 06 83391913 - Mob. +39 3278566369 
email: info@biot.it - ingegneria@biot.it
web: www.enerpulse.it - www.medcam.it

Certificazioni

                
Registrati presso il Repertorio dei dispositivi medici del Ministero della Salute